Published on: 4 Dicembre 2022
Condividi

BOULDERING a FERRARA

e chi l'avrebbe mai detto che si può arrampicare a Ferrara??? vieni a scoprirlo come e dove

Deva Wall è la nuova palestra di arrampicata a Ferrara, a due passi dal centro della città e dall’Hotel Annunziata.
La palestra è la più grande dell’Emilia Romagna con una struttura di oltre 900 mq e spazi colorati dedicati all’attività di arrampicata.
La specialità di Deva Wall è il bouldering, una delle discipline dell’arrampicata, che ti consente di arrampicare su pareti alte 4,5 metri senza necessità di imbrago o corda perché ad ammortizzare la caduta ci sono dei materassi di protezione.
Le attività proposte da Deva Wall sono tantissime: dall’arrampicata per i bimbi di 5 anni, per adolescenti e adulti, fino alle attività per anziani. L’arrampicata, infatti, è uno sport che non aiuta soltanto a sentirsi bene fisicamente ma anche mentalmente: tranquillizza la mente e rende le persone più sicure di sé. Per questo hanno un’importanza particolare le attività rivolte a bambini e ragazzi, che vivono nel periodo più difficile della loro vita, in particolare quello dell’adolescenza, dondolandosi continuamente tra dubbi e insicurezze.
La palestra propone anche corsi e attività per persone con disabilità fisica e psichica, rendendo l’arrampicata uno sport più inclusivo.

Ma ciò che rende veramente speciale e unica Deva Wall è il progetto “Non Mollare La Presa”: si tratta di un recupero riabilitativo per donne operate di tumore al seno, che sfrutta i benefici dell’arrampicata orizzontale per un benessere sia fisico che mentale. L’arrampicata orizzontale, non essendo troppo invasiva, permette un recupero della muscolatura della zona colpita dal tumore, senza il rischio di farsi male e compromettere l’attività degli arti. Il nome del progetto ha anche, e soprattutto, una valenza psicologica e insegna che dopo una caduta è sempre possibile rialzarsi per ricominciare.

Un posto veramente speciale in cui passare una giornata alternativa, svagando la mente e praticando attività fisica.

Ginevra Borsetti